venerdì 6 ottobre 2017

J'ai tendu des cordes



Rimbaud scrive Illuminations negli anni in cui si muove tra Charleville, Parigi, Bruxelles, Londra, dunque tra il 1872 e il 1874. Il manoscritto dell'opera, affidato a Verlaine, verrà pubblicato nel 1885, all'insaputa di Rimbaud, su una rivista parigina.

Benjamin Britten mette in musica diversi componimenti di Rimbaud tratti da  Illuminations. Trovo particolarmente suggestivo un frammento tratto dalla sezione Phrases . E' qui ( è brevissimo )

J'ai tendu des cordes de clocher à clocher; des guirlandes de fenêtre à fenêtre; des chaînes d'or d'étoile à étoile, et je danse.


Ho teso corde da campanile a campanile ; ghirlande da finestra a finestra ; catene d’oro da stella a stella, e danzo.






Vrubel, Il demone



Qui Les Illuminations di B. Britten commentate da Ian Bostridge



9 commenti:

  1. Elena Grammann7 ottobre 2017 22:59

    Ciao Giacinta, grazie per Les Illuminations di Britten, se non ci pensavi tu finiva che non le cercavo mai. Bellissimo il pezzo che hai scelto. Ho ascoltato anche il resto (col testo sotto). Difficile. (Poi c'è il mio problema: ho un'allergia per il francese cantato - intendo cantato su musica seria. Non so perché, ma mi sembra una lingua incompatibile con la musica - con l'eccezione della Carmen).
    Seguo con passione tutti i vostri animali, con una predilezione per quelli fantastici. Grazie ancora e a presto,
    Elena

    RispondiElimina
  2. Hai mai provato ad ascoltare La damnation de Faust di Hector Berlioz? C'è un'aria che potrebbe piacerti ( anche se ho letto nel tuo ultimo post che con il Romanticismo hai chiuso..:-). Ad ogni buon conto ti lascio qui il link
    Grazie, Elena e buona giornata!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena Grammann10 ottobre 2017 23:25

      L'aria è molto bella, anche se non so, Gretchen uno se la immagina più giovane e più ingenua, meno drammatica. Ma perché abbraccia una matita? :-)

      Elimina
    2. :-)
      Trascrivo una possibile risposta, che ho trovato fra i commenti al video, al legittimo rovello:

      Pencils are key to Roland Aeschlimann's idea of clever design. I wonder why such talented performers as Susan Graham, Jonas Kaufmann, and especially Antonio Pappano agree to work on productions with direction relying on such silly, gimicky staging.

      Per quanto riguarda l'interprete di Illuminations, ho cambiato video qualche ora prima che tu ascoltassi il brano; inizialmente c'era Peter Pears.


      Elimina
    3. D'amour l'ardente flamme è un'aria molto lunga e molto impegnativa, penso spesso che ci vorrebbero due cantanti diverse per la prima parte e per la seconda :-)
      Quanto ai registi d'opera, da qualche tempo in qua molto spesso non si capisce che cosa stanno facendo. Con Strehler e con Ponnelle non succedeva...

      Elimina
  3. potrebbe essere la voce di Peter Pears... è stato un ottimo musicista, ma non aveva una gran voce. Su youtube ci sono altre esecuzioni da ascoltare. Un altro consiglio potrebbe essere Ravel, la canzoni a Don Chisciotte, le canzoni del Madagascar (madécasses), le melodie greche, c'è anche uno stornello romanesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena Grammann10 ottobre 2017 23:30

      Mi sembrava che la voce fosse di Ian Bostridge (e per quel che posso capire io non aveva nulla che non andasse). Ascolterò volentieri Ravel, ma il mio pregiudizio è duro a morire... :-)

      Elimina
  4. Britten lo ascoltavo ieri, guarda un po' i casi... :-)

    RispondiElimina