venerdì 27 ottobre 2017

Animali

Animali

Pomeriggio novembrino d'aria tersa. Intervallo tra uno scroscio di pioggia e l'altro. Sei papere fanno anatring lasciandosi trasportare dall'impeto del torrente rigonfio. Con l'ombrello chiuso e ancora sgocciolante cammino al loro fianco nella stessa direzione e mi chiedo cosa faranno una volta arrivate a quel gradino laggiù, che origina una piccola rapida. Scemo d'un umano! Ovviamente si alzano in volo. Ovviamente si alzano in volo.
Non le vedo già più.

Nicola Pezzoli, Il bambino che sbagliava le parolacce, Irrenhaus 2





14 commenti:

  1. "Sei papere fanno anatring"... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'autore ha lasciato un commento proprio di seguito al tuo :-)

      Elimina
  2. Non so se essere più grato per quel mio brandello di racconto o per lo splendido accostamento video-musicale. Grazie!! :)

    RispondiElimina
  3. E' un frammento prezioso che volevo associare a qualcosa di analogo.
    Grazie a te, Nick!!
    :-)

    RispondiElimina
  4. Infatti è ottimo l'abbinamento tra parole e video. E' anche una (bella) canzone che non conoscevo, questa di Nick Cave.

    RispondiElimina
  5. Nick Cave è sorprendente. Accanto a canzoni dai testi impossibili, indecifrabili e dal sound tutt' altro che morbido, regala ogni tanto momenti di dolcezza.

    p.s-
    c'è coincidenza anche nel nome dei due autori ( del brano in prosa e di quello musicale :-)

    RispondiElimina
  6. Io ci sono cresciuta col bambino che sbagliava le parolacce... E ogni volta che lo leggo mi convinco sempre più di essere stata fortunata! ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Clau! Penso di aver letto di te e il commento di Nick me lo conferma:-)

      Elimina
  7. ZiettaClau, che bella sorpresa trovarti anche qui!
    Uno dei primi e indimenticati amori di quel bambino!
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  8. Letto ad alta voce questo racconto è a dir poco meraviglioso. :)

    RispondiElimina
  9. Giro le tue parole di apprezzamento all'autore, Nick :-) E' un frammento che ho tratto dalla sua recente raccolta di racconti," Il bambino che sbagliava le parolacce".

    RispondiElimina
  10. Ringrazio Luz per le sue belle parole: da curioso quale sono ho già fatto una capatina sul suo blog, perché il bello delle cose belle è che una tira sempre l'altra, così l'aggiungo al volo al mio blogroll. :)

    RispondiElimina
  11. Poetico Nick e anche Nicola Pezzoli non scherza.

    RispondiElimina