venerdì 6 aprile 2018

Più rossa della ciliegia


La storia di Aci e Galatea (da Ovidio, Metamorfosi, XIII) è tragica, perché l'intervento brutale di Polifemo spezzerà l'amore fra i due giovani. Ma quando Haendel la mette in musica a Londra nel 1718 utilizzando un libretto di John Gay, non mancherà il tono di commedia, perfino con effetti comici, almeno fino al momento fatale. E' un dramma pastorale, che Haendel aveva già musicato a Napoli nel 1708, in italiano (libretto di Nicola Giuvo); le due opere sono completamente diverse e sono unite solo dal soggetto. Polifemo, nella versione londinese, viene presentato come un campagnolo rozzo e molto diretto nelle sue espressioni; la caratterizzazione non avrà mancato di divertire il pubblico, e se si trova un bravo interprete è divertente ancora oggi. Polifemo diventa parente stretto di Braccio di Ferro, forse un antenato del suo eterno rivale Bluto; si innamora di Galatea (Olivia?) e se ne esce con questa cosa qui, recitativo e aria.
Infurio, brucio, fremo! Il fragile dio mi ha pugnalato al cuore. Tu, pino fedele, sostegno dei miei passi divini, ti depongo! Portatemi cento canne ben cresciute per farne un flauto per la mia grande bocca; in lievi fascinosi accenti fatemi sussurrare di Galatea la bella e del mio amore. Più rossa della ciliegia, più dolce della bacca, fanciulla più luminosa di una notte di luna, leggera e allegra come un capretto! Gonfia come un grappolo maturo, più lustra di un giglio, ma indomabile come il fuoco e fiera come la tempesta!

(dipinto di Fede Galizia, 1578-1630)




14. Recitativo (Polifemo)
I rage, I melt, I burn!
The feeble god has stabb'd me to the heart.
Thou, trusty pine,
Prop of my god-like steps, I lay thee by!
Bring me a hundred reeds of decent growth,
To make a pipe for my capacious mouth;
In soft enchanting accents let me breathe
Sweet Galatea's beauty, and my love.

15. Aria (Polifemo)
O ruddier than the cherry,
O sweeter than the berry,
O nymph more bright
Than moonshine night,
Like kidlings blithe and merry!
Ripe as the melting cluster,
No lily has such lustre;
Yet hard to tame
As raging flame,
And fierce as storms that bluster!

(la traduzione italiana viene da Wikipedia, e probabilmente il termine generico "berry" sarebbe reso meglio con mora, mirtillo, fragola; il testo musicato, oltre che di John Gay, prevede interventi di Alexander Pope e di John Hughes. L'opera ebbe molte versioni, ed è sempre rimasta in repertorio nei teatri inglesi.)

Nessun commento:

Posta un commento