mercoledì 4 aprile 2018

Needles in the camel’s eyes



Brian Eno tra poco più di un mese compirà settant’anni. Il compositore inglese ne aveva 25 quando incideva con Phil Manzanera e Robert Fripp  “ Here come the warm Jets”. Il brano che apre il disco, come altri di Eno, non ha un senso univocamente accessibile; lo stesso compositore avverte che  Needles in the camel’s eyes venne scritta in un tempo minore di quello necessario a cantarla. Il significato del brano dunque è quello che ognuno vuol dargli. 
Lo propongo perché  mi piace e poi perché nel titolo c’è un cammello :-)





Those who know
They don't let it show
They just give you one long glance
And you'll go oh, oh, oh, oh.

Goes to show
How winds blow
The weather's fine
And I feel so, so, so, so, so.

Birds of Prey
With too much to say
Oh what could be my destiny
Another rainy day.


Why ask why
For by the by and by,
All mysteries are just more
Needles in the camel's eye


2 commenti:

  1. tra aghi e cammelli è facile pensare al Vangelo (la cruna dell'ago) però mi sembra più vicino al nonsense.Mi ricorda un po' il canto yiddisch messo in musica da Ravel, che provo a trascrivere: Fragt die Velt die alte Kashe, tra la ra larallallà... (l'antica domanda, e la risposta)

    RispondiElimina
  2. E' l'album di esordio come solista. E' probabile che vi abbia fatto confluire spunti diversi. Il verso iniziale la reiterazione di un ritmo ascendente e discendente possono far pensare all'eterna domanda di Ravel ( bellissimo brano che non conoscevo e che mi hai indotto ad ascoltare :-)
    Sì, il cammello penso che sia venuto dal vangelo ma poi ha preso una strada diversa:-)

    RispondiElimina