giovedì 25 gennaio 2018

Una misteriosa processione



...più tardi, ha smesso di parlare e mi ha arrestato, ponendo il braccio sinistro davanti al mio petto come una barriera: con la mano destra indicava un leggero fremere dell'erba, a pochi passi dal nostro sentiero. Un serpente? no, su un tratto di terreno battuto è emersa una piccola processione: un porcospino avanzava cauto, con brevi arresti e riprese, e dietro di lui, o di lei, venivano cinque cuccioli, come minuscoli vagoni a rimorchio di una locomotiva giocattolo. Il primo stringeva in bocca la coda della guida, ognuno degli altri, allo stesso modo, stringeva il codino dell'antecedente. La guida si è fermata netta davanti a un grosso scarabeo, lo ha rivoltato sul dorso con la zampina e lo ha preso tra i denti: i piccoli hanno rotto l'allineamento e le si sono affollati intorno; poi la guida è arretrata dietro un cespuglio, trascinandosi dietro tutti i personaggi.

(Primo Levi, da "La chiave a stella", il racconto "Batter la lastra" pag.83 edizione Einaudi 1993)




10 commenti:

  1. Non c'entra niente, ma toccherebbe andare a Roma a vedere la mostra dei Pink Floyd

    RispondiElimina
    Risposte
    1. toccherebbe sempre andare a Roma... magari andarci a vivere

      Elimina
    2. In tutta onestà, non ve lo consiglio. :)

      Elimina
    3. ormai è cemento e asfalto dappertutto, lo so...

      Elimina
  2. Che tenerezza questa processione e che bello questo rispetto della Natura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Primo Levi è una fonte continua di sorprese e di pagine belle. A me dispiace che lo si ricordi solo per il ricordo dei lager, se si facessero conoscere anche gli altri suoi libri penso che ne trarrebbe un guadagno anche "Se questo è un uomo".
      :-)
      penso di aver letto tutti i suoi libri, ma non è detta l'ultima parola

      Elimina
  3. ma una processione così l'hai mai vista dal vivo? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come sai, i ricci sono miei vicini di casa... :-)
      ma non ne ho mai visti in processione, al massimo in due

      Elimina
  4. Elena Grammann27 gennaio 2018 00:14

    Non mi ero mai accorta che i ricci avessero la coda... Una volta, durante una primavera fredda e piovosa, abbiamo trovato un cucciolo col raffreddore, starnutiva e colava muco. Lo abbiamo messo in un coperchio di scatola da scarpe e gli abbiamo dato da mangiare (latte credo). Ha mangiato con grande appetito, dopo di che sembrava completamente ristabilito e l'abbiamo lasciato andare. Era un tipo piuttosto deciso. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'estate scorsa ne ho trovato uno in giardino - a dire il vero lo ha trovato la gatta Ciccetta. Nessuno lo ha disturbato, si è mangiato tranquillamente un'aletta di pollo... (avevano da poco tagliato il prato qui vicino, probabilmente sono stati disturbati) (la gatta, una volta appurato cos'era, si è tirata da parte) (forse lo ha toccato con la zampina?) Sì, i ricci sono tipi decisi!

      Elimina