sabato 9 giugno 2018

Colpo di fulmine


Le donne belle, si sa, tendono spesso a portarsi in casa dei cani brutti. Non che capiti sempre, ma capita. Dato che la mia amica in questione è davvero molto bella (una via di mezzo fra Sylva Koscina e Virna Lisi, tanto per intenderci) il cane che si è portata in casa non poteva essere che davvero molto brutto. "O mamma mia", mi sono detto nel vederla: un boule dogue francese, zampe corte e corpo tozzo, la cosa più vicina a un rospo che esista nel mondo dei non rospi. «Si chiama Chérie», mi dice e si aspetta che io la saluti. Che io saluti quel coso, insomma. Che fare, a quest'amicizia non voglio rinunciare e mi rivolgo quindi al coso, anzi alla cosa perché si tratta di una femmina. La quale femmina di rospo - pardon, di boule dogue francese - volta la testolina in su e mi guarda. Due occhi dolci, buoni e grandi, da bella persona. Oh beh, chi l'avrebbe mai detto. Continua a somigliare ad un rospo, ma due occhi così non me li aspettavo. Ed ecco che commetto l'errore fatale: la grattatina sulla testa. Sulla testa, e poi dietro le orecchie. Scodinzola. « Sono contenta che ti piaccia, lo vedi come è carina? Anche tu piaci a lei» dice la mia amica, e io abbozzo una risposta, poi uscendo ci ripenso, ehm, che fare, che dire. Mi toccherà venire a trovarla più spesso, insomma.

(Giuliano, A.D. MMXVIII)


8 commenti:

  1. Sono di moda al momento, talmente di moda che hanno creato una serie di mantelline e accessori solo per la loro razza. Ahimè!

    RispondiElimina
  2. sono d'accordo, però poi gli animali hanno un loro carattere e una loro personalità, e finiscono per piacerti anche se esteticamente discutibili (ehm). Magari con il cane "perfetto" non ci si va d'accordo... (non è una testolina, comunque, va da sé)

    RispondiElimina
  3. Elena Grammann10 giugno 2018 10:15

    Mah, che siano brutti non so so. Sono molto caratterizzati, e meno lessi dei lessies (decisamente passati di moda - come Sylva Koscina :-) ). Anni fa mi chiedevo come la gente potesse prendersi in casa quel mostro di cane chiamato carlino; adesso li trovo bellissimi e non ne ho ancora uno soltanto perché sono abbonata ai cani di canile (scelta etica e non estetica).
    Comunque la bouledogue francese (che ti piace, si capisce) ti ha suggerito un bel pezzo, già per questo dovresti esserle grato!

    RispondiElimina
  4. le sono grato per gli occhioni dolci :-) ammetto che non so resistere, però io non ho mai avuto cani e di più non saprei dire. Mi piacerebbe questo: avere un cagnolino da tartufi e andare in giro per l'Umbria o per il cuneese. Mica per i tartufi, ma perché mi piace l'idea.

    RispondiElimina
  5. Pur di poter continuare a frequentare una signora che è una via di mezzo fra Sylva Koscina e Virna Lisi... beh, qualche sacrificio lo si può anche fare, no? :)

    RispondiElimina
  6. sì, ma non ho più l'età adatta... (il riferimento preciso è a "Le fatiche di Ercole", anno 1959) (tunica corta alla greca)

    RispondiElimina
  7. È vero che questi canini spesso hanno gli occhi di belle persone. Buffo detto così

    RispondiElimina
  8. non so bene se abbiano un'utilità pratica, come per esempio i bassotti che vennero selezionati per la caccia nelle tane dei conigli, eccetera. Molte "razze" (perché poi son sempre tutti cani) sembrano selezionate solo per il nostro divertimento, e a me questo non sembra giusto - però poi dietro c'è sempre una persona, anche nei cani e nei gatti, e alle volte si nota.

    RispondiElimina